SUPERBONUS 110%: INFORMAZIONI NECESSARIE PRIMA DI COMINCIARE

Molti clienti ci stanno domandando cosa devono fare prima di iniziare i lavori del Superbonus 110%. Partiamo subito con tre informazioni essenziali che non devono mai mancare:

· Verifica dei requisiti, sia oggettivi che soggettivi;

· Accertare la conformità urbanistico – edilizia – catastale;

· Conoscere le scadenze previste


Per quanto attiene la verifica dei requisiti, un’analisi di pre-fattibilità è il punto di partenza per ogni progetto. È infatti, da verificare che il cliente che richiede di accedere al Superbonus 110% e l’immobile sul quale vuole fare gli interventi rientrino nelle categorie speicficate nell’art. 119, comma 9 del Decreto Rilancio. In particolare ricordiamo che possono accedere al Superbonus:

  • condomini;

  • edifici plurifamiliari posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professione, composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate;

  • persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, sul numero massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell'edificio;

  • istituti autonomi case popolari (IACP);

  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;

  • organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale;

  • associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.”

Riguardo l’edificio invece, sappiamo essere esclusi dal bonus le seguenti categorie catastali (A/1 - Abitazioni di tipo signorile; A/8 - Abitazioni in ville e A/9 - Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici per le unità immobiliari non aperte al pubblico) e conosciamo inoltre i requisiti per le plurifamiliari (accesso autonomo e indipendenza funzionale), nonché quelli per l’accesso al sismabonus 110% (ovvero la localizzazione dell’immobile in zona sismica 1,2 o 3 e non 4).


Sulla conformità urbanistico – edilizia – catastale ricordiamo che, nonostante le ultime modifiche affermino con certezza che non è più necessario il visto di conformità iniziale, nel caso di abusi edilizi scoperti successivamente all’inizio lavori si perde automaticamente l’accesso alla detrazione. Consigliamo quindi sempre di procedere con un accesso agli atti in comune e verificare lo stato di fatto dell’immobile.


Ultimo, le scadenze. Ci sono diverse incertezze sull’orizzonte temporale del Superbonus pertanto con la seguente tabella cercheremo di fare un riepilogo ad oggi:


Persone fisiche (edifici unifamiliari): 31.12.2021*

Persone fisiche con edifici plurifamiliari da 2 a 4 unità: 30.06.2022 o 31.12.2022 se a giugno c'è il SAL al 60%

Condomini: 31.12.2022

IACP: 30.06.2023 o 31.12.2023 se a giugno c'è il SAL al 60%


* Così come previsto al comma 66, lettera a1) dell’articolo 1 della legge 30/12/2020, n.178 (legge di Bilancio 2021) tale data, previa approvazione del Consiglio dell’Unione europea, traslerebbe al 30 giugno 2022.


Consigliamo quindi a tutte le persone che vogliono iniziare i lavori per il Superbonus 110% di affidarsi sempre a professionisti qualificati che siano in grado di fornire informazioni esatte e precise.

Dual Solution è una società di consulenza che fornisce assistenza a 360° in tutta la pratica Superbonus mettendo a disposizione tutti suoi esperti in materia edilizia. Se sei interessato compila il form o contattaci al 351.8470072 per avere maggiori informazioni.


Per questi e molti altri aggiornamenti continua a seguire il nostro sito web, le pagine social e il nostro canale YouTube.


Dual Solution S.r.l.

Dott.ssa Roberta Girardi


Vittorio Veneto, 05 luglio 2021




7 visualizzazioni