SICUREZZA SUL LAVORO: NUOVE RESPONSABILITA' IN CAPO AL PREPOSTO

È ormai operativo il provvedimento, contenuto nella legge n.215/21 in materia di sicurezza sul lavoro, che pone in capo alla figura del preposto maggiori responsabilità rispetto alle attività di vigilanza.

Con la circolare 1 del 16 febbraio 2022, l’ispettorato del lavoro ha chiarito che la normativa imponga ai datori di lavoro, dirigenti e preposti nuovi obblighi formativi che, però, diventeranno efficaci solo con l’emanazione del nuovo accordo della Conferenza Stato Regioni che sarà adottato entro il prossimo 30 giugno.

Quello che, invece, è già motivo di sanzione, è l’obbligo del datore di nominare il/i preposto/i per effettuare le attività di vigilanza previste nel dettaglio nell’articolo 19 del TUSL. Obbligo che non è più rinviabile e la nomina dovrà essere posta per iscritto per darne prova in caso di ispezione o infortunio.

Il D.l. n. 146/21, convertito poi in legge n. 215/21, ha normato l’obbligo di intervento in capo al preposto qualora dei lavoratori non rispettino le disposizioni aziendali in materia di sicurezza e salute, uso scorretto dei dispositivi di protezione o comportamenti non conformi. Per altro è stato imposto, sempre in capo al preposto, l’obbligo di intervenire per modificare il comportamento illegittimo del lavoratore che dovrà essere segnalato al datore e in caso di persistenza dovrà essere valutata una eventuale sospensione. Molto importante l’onere di riportare per iscritto l’attività di vigilanza al fine di creare un tracciamento.

Novità molto importante è l’introduzione dell’obbligo di nomina del preposto in caso di appalto e subappalto.

Dunque, al fine di evitare sanzioni, le aziende devono aver adempiuto alle disposizioni della nuova formulazione dell’art. 18 del TUSL relativamente alla nomina del preposto. Contestualmente, datore e dirigenti devono riferire al preposto dei nuovi obblighi e modalità delle violazioni in un momento formativo che, però, è diverso da ciò che impone l’art. 37 del Dlgs. n.81/2008 in materia di formazione, per far sì che il preposto possa adempiere in modo corretto delle nuove disposizioni al fine di evitare sanzioni e carenze conoscitive.

*

La nostra Società è aggiornata sugli ultimi interventi normativi e sempre a disposizione per assistenza legale e per una specifica consulenza di settore.

Per maggiori informazioni e per rimanere sempre aggiornati, Vi invitiamo a consultate le nostre news e ad iscriverVi alla newsletter nell’apposita sezione del sito.


DualSolution S.r.l.





22 visualizzazioni