PROROGA SUPERBONUS PER CONDOMINI MINIMI

In alcune situazioni le caratteristiche strutturali degli edifici consentiranno di allungare i tempi delle detrazioni al 110% dal 31.12.2022 al 31.12.2023.


A spiegarlo è la circolare 9/2022 del Consiglio Nazionale degli Architetti e l’interpello n.665/2021 dell’Agenzia delle Entrate.

In linea generale, la Legge di Bilancio 2022 ammetteva la possibilità di accesso alla detrazione fino al 31.12.2022 qualora gli interventi fossero stati effettuati su unità immobiliari unifamiliari o funzionalmente indipendenti di proprietà di persone fisiche purché alla data del 30.06.2022 fossero stati ultimati almeno il 30% dei lavori preventivati.


Diverso, invece, il regime ammesso per quelle strutture immobiliari composte da 2 a 4 unità assimilabili a condomini minimi, possedute da una o più persone fisiche, le cui detrazione saranno ammesse per tutte le spese sostenute fino al 31.12.2023.


Perché vi è una previsione più lunga?


La circolare e l’interpello fanno riferimento alle differenti caratteristiche strutturali degli immobili che consentono nel caso dei condomini minimi il frazionamento delle unità abitative. Dal primo intervento, quindi, sarà possibile ottenere un primo titolo edilizio che, trasmesso all’Agenzia delle Entrate, darà modo di poter ottenere il bonus, ma si farà sempre riferimento alla situazione iniziale.

Nel caso, quindi, dell’unità immobiliare frazionata la nuova scadenza è posta al 31.12.2023 e per altro non sarà più necessario verificare che alla data del 30.06.2022 ci sia stato un avanzamento dei lavori al 30%.

Il nostro Studio è aggiornato sugli ultimi interventi normativi e sempre a disposizione per assistenza legale e per una specifica consulenza di settore.

Per maggiori informazioni e per rimanere sempre aggiornati, Vi invitiamo a consultate le nostre news e ad iscriverVi alla newsletter nell’apposita sezione del sito.


DualSolution Srl




24 visualizzazioni