ABUSI EDILIZI: LA DATA DI REALIZZAZIONE DELL’IMMOBILE SI PUO’ AUTOCERTIFICARE

Con la sentenza del Consiglio di Stato n. 1222/2022, il giudice ha stabilito l’inversione dell’onere della prova qualora il presunto trasgressore provi, con documenti certi, che l’immobile sia stato costruito in data anteriore rispetto a quella contestata. Nel caso di specie, un Comune aveva ordinato la demolizione di un garage realizzato senza alcun permesso. A giudizio dell'amministrazione, il manufatto era stato realizzato dopo l'entrata in vigore della legge 765/1967, che modificando le legge urbanistica 1150/1942 aveva previsto l'obbligo generalizzato della licenza edilizia per tutti gli interventi edilizi, cioè nuove costruzioni, ampliamenti, modifiche e demolizioni di manufatti esistenti, nonché opere di urbanizzazione. Il proprietario, avvalendosi di tre dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, rese da soggetti a conoscenza dello stato dei luoghi, ha contestato che l'immobile è stato realizzato in epoca precedente al 1° gennaio 1967.

Il Tar Lazio aveva respinto il ricorso e il proprietario aveva proposto appello al Consiglio di Stato.

A tal proposito, il Consiglio di Stato ha accolto l'appello e annullato l‘ordine di demolizione, rilevando che l'onere di provare la data di realizzazione e la consistenza dell'immobile spetta al soggetto cui è stato contestato di aver commesso l'abuso, ma se quest'ultimo fornisce concreti elementi di riscontro, l'onere della prova si trasferisce all'amministrazione. I giudici amministrativi hanno sottolineato che il Comune si è limitato ad affermare che il manufatto risultava esistente dal giugno 1975 sulla base dell'aerofotogrammetria dell'Istituto geografico militare, mentre non era presente nella precedente foto aerea sempre. Inoltre, il Consiglio di Stato ha rimarcato che il Comune, non avendo proposto appello incidentale, ha lasciato passare in giudicato i capi di sentenza che hanno accolto i primi due motivi di ricorso.

I giudici hanno poi evidenziato che l'articolo 10 della legge 765/1967 ha introdotto l'obbligo generalizzato della licenza edilizia per tutti gli interventi edilizi, intesi quali nuove costruzioni sul territorio comunale, e che sul punto l'appellante, per dimostrare che il garage in muratura oggetto dell'ordine di demolizione era stato edificato nel 1962, aveva depositato alcune dichiarazioni sostitutive di terzi.

Il Consiglio di Stato ha infine sostenuto di non aver motivi per considerare queste dichiarazioni inattendibili.

*

Il nostro Studio è aggiornato sugli ultimi interventi normativi e sempre a disposizione per assistenza legale e per una specifica consulenza di settore.

Per maggiori informazioni e per rimanere sempre aggiornati, Vi invitiamo a consultate le nostre news e ad iscriverVi alla newsletter nell’apposita sezione del sito.

Per Dual Solution,

Dott.ssa Margherita Susanna



17 visualizzazioni