LA GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

Chi è il consumatore?

Il consumatore è, secondo l’art. 3 del Codice del Consumo, “la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta” e secondo l’art. 5 “fatto salvo quanto disposto dall’articolo 3, comma 1, lettera a), ai fini del presente titolo, si intende per consumatore o utente anche la persona fisica alla quale sono dirette le informazioni commerciali”.

Il “Codice del Consumo” è stato emanato nel 2005 (con il D.lgs. 6 settembre 2005, n. 206) e aggiornato negli anni successivi. Il Codice nasce con lo scopo di armonizzare e uniformare tutte le normative vigenti in materia di tutela dei consumatori e comprende non solo le disposizioni nazionali ma anche le direttive formulate dall’Unione Europea per la protezione del consumatore e recepite dall’ordinamento nazionale.

Il Codice si compone di sei parti: nella Parte I viene definita la figura del consumatore e i suoi diritti fondamentali; nella Parte II vengono specificate le norme sull’educazione, l’informazione, le pratiche commerciali e la pubblicità; nella Parte III si chiariscono i contratti di consumo; nella Parte IV viene disciplinata la sicurezza e della qualità dei prodotti; nella Parte V si descrivono le associazioni dei consumatori, l’accesso alla giustizia e la class-action; la Parte VI contiene le disposizioni finali.


L’associazione che si occupa di far rispettare tali normative nel nostro paese è il CODACONS (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori) che ha come suo scopo appunto quello di pratrocinare con ogni mezzo legittimo, in particolare quello giudiziario, i diritti e gli interessi di consumatori.


Quali sono i diritti dei consumatori?

I diritti dei consumatori, definiti come “fondamentali” sono elencati all’art. 2 del Codice del Consumo e sono i diritti a:

· tutela della salute

· sicurezza ed alla qualità dei prodotti e dei servizi

· una adeguata informazione e ad una corretta pubblicità

· esercizio delle pratiche commerciali secondo i principi di buona fede e di correttezza e di lealtà;

· educazione al consumo

· correttezza, alla trasparenza e all’equità nei rapporti contrattuali

· promozione ed allo sviluppo dell’associazionismo libero, volontario e democratico tra consumatori e gli utenti

· erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza


La giornata mondiale dei diritti del consumatore

Il 15 marzo 1962 il presidente americano J.F. Kennedy fece un discorso che passò alla storia davanti al Congresso, sulla tutela degli interessi dei consumatori, precisando, in particolare, quattro diritti fondamentali del consumatore: il diritto alla sicurezza, il diritto all’informazione, il diritto di scelta e il diritto di essere sentiti. Da quel giorno si sviluppò la consapevolezza che l’economia e il suo buon funzionamento dipende anche dalla protezione dei protagonisti di questo scen